Fuga romantica /lavorativa a New York

Sono arrivata a NY assieme alla mia dolce metà e a un caldo pazzesco, – e io che avevo portato giacche a vento, sciarpe e berretti, forse era meglio controllare fino all’ultimo il meteo… eheheh – Comunque atterriamo che è sera, volo tranquillo senza intoppi, prendiamo un taxi e ci dirigiamo subito al nostro hotel a Soho, come regalo per il mio dolce maritino ho prenotato una piccola suite a non so che piano, erano troppi però vi assicuro che eravamo belli in alto. Lasciamo giù i bagagli, guardiamo la vista mozzafiato dalla nostra camera, che dire… impagabile. Non guardiamo il letto, perché la stanchezza era tanta e il collasso dietro l’angolo. Scendiamo in strada e ci fermiamo alla prima tavola calda e ci mangiamo un bel “hamburger serio“. Facciamo due passi e arriviamo fino a Time Square, IL CUORE PULSANTE di questa enorme città. Rimaniamo folgorati dal turbinio di gente, la città che non dorme mai… adesso capisco.

I giorni a seguire sono stati uno più bello dell’altro. Central Park con i colori dell’autunno, il volo in elicottero per visitare la grande Lady, la Statua della Libertà, Manhattan, Brooklin che pulula di arte e design. Ma anche se prima c’è stato il piacere ho avuto anche del dovere. Ho avuto diversi Private, tra cui la mia Clio Makeup, se vi ricordate era venuta da me a Milano e mi aveva chiesto assolutissimanete un incontro anche qua a NY. Manual Lifting di regola e chiacchiere da salotto. Lei un amore come sempre, con il suo sorriso contagioso.

Quasi volto al termine, il viaggio, io e mio marito decidiamo di mangiare in un ristorantino italiano – alla fine la propria cucina, non la si tradisce mai- il locale si chiama “Piccola Cucina” i proprietari sono italiani, gentilissimi (ve lo consiglio se passate nelle vicinanze di Prince St.) e concludiamo così con questa cena strepitosa.

NY mi ha accolto alla grande, le persone sono gentilissime e molto disponibili, io sono stata per tutta la vacanza, con l’espressione della classica bambina in un negozio di giocattoli, a faccia in su con la bocca aperta, estasiata da tutto e da tutti. La grande mela è un bacino che contiene una moltitudine di gente di sogni e di speranze. Io non vedo l’ora di ritornarci… Fortunatamente manca poco, sarà solo per 3 giorni, dove purtroppo (si fa per dire) sarà solo dovere, ma che porterà un sacco di novità!

Rimanete connesse
La vostra Ale